Prospettiva Globale 11

Canakkale è invalicabile, l'umanità non cadrà...

Prospettiva Globale 11

La storia dei paesi è contrassegnata da eventi molto importanti che influenzano il loro destino. Alcuni di questi eventi possono anche cambiare la storia del mondo. La battaglia dei Dardanelli, di cui celebriamo il 103esimo anniversario, è una guerra che ha cambiato il destino del mondo.

Alcuni obiettivi di questa guerra erano occupare Istanbul e inviare aiuti alla Russia zarista via mare, escludendo l'Impero Ottomano. Intere forze, inclusi paesi come Inghilterra, Francia, Australia, Canada, Nuova Zelanda e India, dispiegassero centinaia di migliaia di truppe a Canakkale. Hanno attaccato con tutti i loro mezzi per attraversare il mare. Dopo il fallimento, hanno cercato di di superare la difesa atterrando via terra. Ma hanno affrontato l'esercito ottomano che ha difeso la sua patria con la forza della fede, nonostante tutte le carenze tecniche.

La battaglia iniziò nel febbraio 1915 e terminò nel dicembre dello stesso anno, lasciando dietro di sé centinaia di migliaia di morti, dispersi, prigionieri e feriti. È stata probabilmente una delle più grandi sofferenze della storia. Soldati bambini piccoli furono reclutati in questa guerra perché i loro più grandi erano caduti martiri nelle guerre precedenti. Ecco perché questa guerra è anche soprannominata "la guerra dei soldati di 15 anni".

Quell’anno giovani di diverse scuole superiori turche avevano partecipato alla guerra. Il Liceo di Galatasaray, il Liceo di Izmir e il Liceo di Konya, aperte sotto il regno di Sultan Abdulhamid, da cui mi sono laureato anch’io, non si sono stati dei laureati perché le classi superiori erano andate in guerra.

Il famoso poeta turco Mehmet Akif Ersoy descrive la battaglia e i nostri eroi nel suo poema "Çanakkale Şehitlerine" (Ai Martiri di Çanakkale):

"Il vecchio mondo, il nuovo mondo, l'intera umanità,

Bolla come la sabbia, come un diluvio, è questa apocalisse.

I re di sette paesi sono di fronte a te,

L'Australia al fianco del Canada!

I volti sono diversi, le lingue e le pelli, di diversi colori;

Una cosa è ovvia: la loro atrocità è la stessa

----------

O soldato caduto martire per queste terre!

Si merita che i suoi antenati scendano dal cielo per abbracciare questa pura fronte.

Sei così grande, il tuo sangue ha salvato il Tawhid ...

Solo i leoni Bedir erano così gloriosi"

L'esercito ottomano perse 250.000 uomini durante la guerra, nonostante l'assenza di documenti ufficiali. Questi martiri erano generalmente uomini istruiti, studenti di scuole superiori, madrasse o università. La perdita di così tante persone istruite ha portato a gravi problemi in seguito.

I martiri dell'esercito ottomano provenivano da diversi paesi che all'epoca vivevano all'interno dei confini dell'Impero Ottomano o si erano reclutati volontariamente. Venivano dalle province che sono attualmente all'interno dei confini della Repubblica di Turchia, ma anche dai paesi balcanici, dal Medio Oriente e dal Caucaso.

Voglio condividere con voi la storia che ho sentito dal vecchio zio Ilyas dal Kosovo. Molti uomini del suo villaggio partecipassero alla battaglia dei Dardanelli. Tutti cadessero martiri tranne i tre soldati. Tornati nel villaggio, i soldati si preoccupavano di cosa potevano dire agli abitanti del villaggio perché c'erano i genitori in lacrime, le moglie, i loro figli, dei loro fratelli caduti martiri, che li stavano aspettando con impazienza. Non volevano distruggere la speranza di tutte queste persone quando sono arrivati ​​insieme nel villaggio, e non volevano incontrare i loro dolori e i loro lamenti. Decisero di arrivare al villaggio a intervalli diversi. Quando il primo veterano arrivò nel villaggio, tutti i locali gli chiesero dov'erano gli altri soldati. Lui dissero a loro che verranno. Una settimana dopo, un altro soldato arrivò nel villaggio. Diede la stessa risposta a quelli che aspettavano con impazienza i loro cari: "Verranno". L'ultimo veterano ha fatto la stessa cosa, per preparare i villaggi alla triste e dura realtà.  

La battaglia dei Dardanelli è fondamentalmente una resistenza dei popoli oppressi contro l'imperialismo sul fronte dell'esercito ottomano. Nonostante tutta la loro superiorità tecnologica, tutte le nazioni oppresse della nostra regione insieme hanno respinto l'imperialismo. Anche i musulmani dell'Asia meridionale, come l'India e il Pakistan, hanno sostenuto la battaglia dei Dardanelli e la guerra di indipendenza turca. In questo contesto, l'epopea di Canakkale è un simbolo di speranza per l'umanità. Oggigiorno l'asse del male sta guidando un simile movimento di occupazione in altre parti del mondo. Canakkale è l'ultima lezione il suggestivo più duro e che indica che gli imperialisti non raggiungeranno il loro obiettivo se le nazioni oppresse agiscono insieme e rimangono insieme contro ogni tipo di movimento di occupazione. Questo è un'espressione che può essere affrontata solo insieme contro la politica del "divide et impera".

Ovviamente è stimabile opporsi a qualsiasi tipo di attacco imperialista. Tuttavia, è anche molto importante come verrà eseguita la resistenza e con quale espressione verrà eseguita. Sfortunatamente, stiamo assistendo al giorno d'oggi allo sviluppo di incitamento all'odio / isolamento per opporsi agli attacchi imperialisti. È difficile per queste persone non provare odio verso gli occupanti e non usare questo discorso. Da questo punto di vista, ci guidano la battaglia dei Dardanelli e gli eventi che seguirono.

Paesi come l'Australia e la Nuova Zelanda che non hanno avuto molta guerra nel loro passato, hanno fatto un passo verso la formazione di una nazione nella battaglia dei Dardanelli. Ma siamo una nazione senza ostracismo, che non ha prodotto ostracismo in nessuna guerra, vittoria o sconfitta nella sua storia. Siamo una delle poche nazioni che è riuscita a diventare una nazione senza dover ostracizzare. È valido anche per Canakkale. Nonostante i nostri 250 mila martiri, le nostre sofferenze, le nostre perdite, non abbiamo creato ostracismo a Canakkale. La prospettiva della nostra storia e della nostra civiltà, il nostro punto di vista su questo tipo di eventi, è ben riassunta nelle parole di Ataturk su Anzac. "Le madri che hanno mandato i loro bambini in guerra da terre lontane, asciughino le loro lacrime. I loro figli sono nei nostri cuori. Sono in serenità e riposeranno in pace. Dopo aver perso la vita per queste terre, sono diventati i nostri figli ".

Parlare di odio contro gli attacchi imperialisti e l'ostracismo non farà che ridurci e chiuderci. Sì, è molto difficile. Ma più difendiamo i valori della nostra civiltà di fronte a tali attacchi, più avremo fiducia nel nome dell'umanità. Anche se gli attacchi imperialisti raggiungono il loro obiettivo a breve termine, l'umanità non cadrà e la crudeltà non durerà se adottiamo un approccio che non ostracizza e non si chiude su se stesso. Gli sforzi coloniali basati sugli interessi e considerando come legittime qualsiasi occupazione e sfruttamento, prima o poi perderanno.

Abbiamo presentato le valutazioni sulla questione del decano del Facoltà di Scienze Politiche presso l’Università Yildirim Beyazit Ankara, il Prof.  Kudret Bulbul…



NOTIZIE CORRELATE